Marò, tarocchi e Casapound.

Marò & tarocchi.

L’evoluzione dell’articolo di Matteo Miavaldi sul sito dei Wu Ming (leggibile nel post sottostante) porta alla “scoperta” della grottesca vicenda di un finto Ingegnere di Casapound accreditato sin dai tempi di Ustica come “Esperto”! Che tristezza…

Tratto da “giornalettismo.it

Il perito che difende i Marò ha la laurea finta. Luigi Di Stefano ammette che il titolo è “un vezzo”.

[…]è anche saltato fuori che, quando l’autore della perizia si firma “Ing. Luigi Di Stefano”, millanta. La laurea che indica nel suo curriculum gli è stata conferita dalla Adam Smith University of America, un notissimo diplomificio che emette solo carta straccia, visto che nessuno dei “titoli” che distribuisce ha il minimo valore. Niente laurea, niente Dr., niente Ing.. Sull’Ing. o non Ing., Di Stefano, intervenuto nella discussione, aveva appena fatto in tempo a spiegare che è sì Ing., ma solo all’estero perché:

“La tesi di laurea è “Ipotesi di piano energetico nazionale basato sulla riforma del sistema elettrico, con l’inserimento di significative aliquote di produzione di energia elettrica da fonti non fossili”, e la qualifica è “Environmental Engineering”. Per iscrivermi all’Albo dovrei fare la conversione della laurea americana in Gran Bretagna e poi chiedere la conversione in Italia, ma proprio non mi interessa buttare un sacco di soldi”. [continua]

Annunci

2 thoughts on “Marò, tarocchi e Casapound.

  1. Con piacere pubblico il commento sottostante del Sig. Di Stefano.

    Mi permetto di dirle però che tutta la questione, almeno per me, ruota intorno al Suo ruolo nella vicenda e non tanto a quello dei Marò!
    Lungi da me additarla come un incompetente, ma quello che vien fuori dalla rete di sicuro non basta ad accreditarlo come “Esperto”. Sicuramente ne saprà più di me e di tanti altri ma non credo sia sufficiente a far diventare “oro colato” le sue conclusioni. In più ci metto anche la sua appartenenza a Casapound, che ha ampiamente strumentalizzato la vicenda, per confermarle il mio dubbio sull’effettiva “imparzialità” del suo operato.
    Con ciò affermo di non avere pregiudizi sui due Marò in questione, ma sui compiti a loro affidati ed in generale sui movimenti dei nostri Militi all’estero si, qualche pregiudizio ce l’ho.

    Cordiali saluti anche a Lei, W Rebeldia.

    Mi piace

  2. Ho risposto agli articoli di Miavaldi e Pisapia http://www.seeninside.net/disinformazia/

    Una settimana di bagarre ma continua a non esserci una sola prova di colpevolezza e nessun indizio che regga a una minima verifica.
    E il punto sostanziale è che non ammettendo la presenza di tecnici italiani come Consulenti Tecnici di parte inquisita hanno fatto una istruttoria che in Italia invaliderebbe il processo. In India gli consente di presentare a giudici e avvocati una pappardella pronta per la condanna.

    E’ ovvio che chiederemo come prima cosa l’annullamento di un processo dove in fase istruttoria sono stati calpestati platealmente i diritti della difesa, e la concessione del passaporto diplomatico e relativa immunitù per Girone e Latorre, sulla base della Convenzione di Vienna del 1961.

    Chi vuole seguire una discussione sulla vicenda dove sto intervenendo potrà avere altri dettagli di questa operazione di Miavaldi – Fatto Quotidiano.

    http://forum.termometropolitico.it/threads/175317-Il-Fatto-in-un-articolo-smonta-la-tesi-innocentista-sui-due-mar%C3%B2?p=3864036&viewfull=1#post3864036

    Cordiali saluti, Luigi Di Stefano

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...